I lombrichi sono definiti da sempre gli “spazzini della terra”, la loro capacità di processare e convertire la materia organica è nota fin dall’antichità.

La presenza di lombrichi nel suolo è sinonimo di fertilità dei terreni, che da essi vengono aerati, strutturati e nutriti.
Il trattamento dei rifiuti organici (compresi gli scarti alimentari come l’umido di cucina) attraverso l’attività dei lombrichi è un processo che emula il ciclo della materia osservabile in natura, nel quale la materia viene estratta dal suolo dall’attività delle piante, per poi tornare ad arricchire il suolo sotto forma di compost.

Diffondere l’utilizzo della lombricoltura come strumento per il trattamento e la trasformazione degli scarti organici, tra le altre cose, è uno dei nostri principali obiettivi che stiamo sviluppando attraverso iniziative formative con amministrazioni comunali, comunità, per il settore agricolo e tutti gli interessati.